Alla riforma elettorale abbinare norme su conflitto d'interessi, ecco il testo unico

Aggiornare, unificare e semplificare le norme che regolano la condizione oggettiva di parlamentari e membri del governo. È l’obiettivo del Disegno di Legge che ho illustrato oggi in conferenza stampa al Senato e che proverò a portare all'esame in Aula, contemporaneamente alla discussione sulla nuova legge elettorale.
Le discussioni di questi giorni intorno alla formazione del nuovo governo ci confermano una volta di più che, volendo affrontare con puntualità il tema della riforma del sistema elettorale, è indispensabile abbinare ad essa un set di norme aggiornate sullo status del parlamentare e dei membri di governo poiché in materia, ad oggi, si accavallano normative datate e incongruenti e si sovrappongono le discipline sulle ineleggibilità, sulle incompatibilità e, di recente, sulle incandidabilità. Una matassa normativa complicata e datata che si può sbrogliare con un testo unico, organico e di facile fruizione.
Un testo normativo aggiornato e integrato con disposizioni più rigorose in materia di conflitto di interesse, cumulo di incarichi e gestione fiduciaria dei beni, con l'obiettivo chiaro di preservare la "genuinità" dell'azione istituzionale.
Per comprendere meglio la complessità della situazione attuale, basti dire, ad esempio, che la legge quadro sulle incompatibilità parlamentari risale al lontano 1953, quando cioè il sistema delle Regioni a statuto ordinario non era ancora decollato, le Autorities non esistevano, né si era sviluppato sul territorio un ramificato sistema di enti locali e di società partecipate delle più variegate specie.
Mentre la più recente legge 20 luglio 2004, n. 215 sul conflitto d'interesse dei membri del governo deve essere integrata per le sue evidenti lacune. Come l’ipotesi di prevedere la gestione fiduciaria dei beni, qualora necessario, per un titolare di una funzione di governo che abbia o abbia avuto interessi imprenditoriali recenti di una tale rilevanza da profilarsi come ostativi allo svolgimento imparziale delle funzioni istituzionali.
Inoltre, rendere fruibile un testo unico, completo ed attuale, è un valore aggiunto in termini di trasparenza perché consente a tutti i cittadini di accedere facilmente alle disposizioni sui propri rappresentanti e favorisce un più efficace controllo diffuso.

In allegato bozza del disegno di legge.

Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza nell'uso di questo sito. I cookie su questo sito vengono usati per le operazioni essenziali e per il corretto funzionamento del sito stesso. Per avere maggiori informazioni leggi la nostra cookie policy.

Continuando la navigazione accetterai l'uso di questi cookie.

EU Cookie Directive Module Information