Una classe dirigente credibile per rafforzare la Puglia e il Mezzogiorno

La Puglia può, deve, ambire ad avere una classe dirigente credibile, seria e competente, capace di rappresentare concretamente le istanze del Mezzogiorno e incidere sulle politiche di sviluppo. 
Sabato 24 febbraio  si terrà  a Francavilla Fontana (ore 18:30 - Palazzo Imperiali)  l’iniziativa di Dario Stefàno, candidato al Senato della Repubblica per la coalizione di centrosinistra al Collegio uninominale Lecce – Francavilla, e per il Partito Democratico come capolista al collegio plurinominale Puglia Sud, con il sottosegretario alla Giustizia Gennaro Migliore, il presidente della RegioneMichele Emiliano e il sindaco di Bari e presidente di Anci Antonio Decaro.

Il Sud sta uscendo finalmente dalla crisi, la più lunga del dopoguerra. Come certificano i rapporti Svimez, nel 2016 per il secondo anno consecutivo l’economia ha fatto registrare un tasso di crescita maggiore rispetto a quello del Centro-Nord, con buone prospettive anche per il 2018. Il mercato del lavoro ha registrato segnali di ripresa che hanno consentito di recuperare negli ultimi tre anni 300.000 posti di lavoro. Certo, moltissimo c’è ancora da fare. Per questo serve una classe dirigente credibile e competente, che non basi il suo consenso su promesse irrealizzabili o che, ancor peggio, una volta eletto non mantenga l’impegno di rappresentare le istanze del territorio e le ambizioni di crescita della comunità. 
  • Pubblicato in Notizie

A Lequile

Alle ore 18:00 sarà a Lequile, a Palazzo Andrioli Piazza S. Vito, insieme a Salvatore Capone per una iniziativa organizzata dal circolo cittadino del Partito Democratico.
  • Pubblicato in Agenda

A Mesagne

Alle ore 19:00 parteciperà a Mesagne (Auditorium Liceo “Epifanio Ferdinando”) insieme a Elisa Mariano all’iniziativa pubblica a sostegno della coalizione di centrosinistra e dei candidati del PD cui prenderà parte il ministro e vice segretario nazionale del Pd Maurizio Martina.
  • Pubblicato in Agenda

A Carmiano

Alle 11 sarà a Carmiano, a Plazzo dei Celestini
  • Pubblicato in Agenda

A Tricase

A Tricase per un incontro con gli elettori insieme ad Ada Fiore
  • Pubblicato in Agenda

A San Donato

Saluta amici e simpatizzanti al comitato di San Donato di Lecce
  • Pubblicato in Agenda

Il lavoro dovrà essere il punto qualificante della futura agenda di governo

Il lavoro dovrà essere il punto qualificante della futura agenda di governo. Dobbiamo impegnarci per rafforzare i primi risultati postivi che gli indicatori economici confermano e che finalmente hanno invertito il trend. È chiaro che ancora non riusciamo a percepire gli effetti della svolta, ma la strada è stata finalmente imboccata: 1 milione di occupati da febbraio 2014 in più, di cui la metà a tempo indeterminato, la disoccupazione giovanile scesa dal 44% del 2014 al 32% oggi. Ancora alta, certo, ma certamente un passo avanti nella direzione giusta.

L’obiettivo deve essere aumentare il numero degli occupati e favorire i contratti a tempo indeterminato. Una misura utile può essere la riduzione del cuneo contributivo di 4 punti in 4 anni e portarlo dal 33% al 29%.  Il lavoro a tempo indeterminato vale di più, deve costare meno, per incentivare le imprese ad assumere di più. 

Senza dimenticare chi la crisi ha estromesso con violenza dal lavoro: le fasce generazionali tra i 40 ed i 55 anni che vanno ricollocate e riqualificate, con misure di decontribuzione in favore delle aziende che assumono. Una misura necessaria per sottrarre quei lavoratori dal limbo di marginalizzazione ai quali sono costretti, non essendo più sufficientemente giovani per nuove assunzioni, né così anziani da poter accedere alla pensione.
  • Pubblicato in Notizie

L’Agricoltura al centro dell’agenda politica, con strategie e obiettivi ambiziosi

L’Agricoltura al centro delle politiche di sviluppo”: Dario Stefàno, candidato al Senato della Repubblica per la coalizione di centrosinistra al Collegio uninominale Lecce – Francavilla, di cui fanno parte i comuni di Manduria, Sava, Avetrana, Torricella e Maruggio e per il Partito Democratico come capolista al collegio plurinominale Puglia Sud , non a caso ha scelto Manduria per affrontare uno dei temi a lui più cari.  Dalla città pugliese, cioè, divenuta simbolo in tutto il mondo del Made in Puglia di eccellenza e che intorno all’elemento identitario, produttivo e culturale, qual è il Primitivo di Manduria, ha costruito una strategia di crescita che oggi proietta la Puglia su uno scenario internazionale con ruoli da protagonista. 

 “Il percorso fatto proprio in Puglia dalla filiera del vino – ha detto Stefàno davanti alla sala gremita del Reggia Domizia – è la dimostrazione di come non sia sufficiente avere una buona produzione primaria se questa non è accompagnata da buone strategie, che devono essere realizzate e interpretate da chi conosce il territorio, i suoi tratti identitari, le sue reali potenzialità. Non possiamo accettare che venga a saccheggiarci chi ha sempre disprezzato il Sud  o chi intende relegare l’agricoltura ai margini dell’agenda politica. Noi invece vogliamo dare all’agricoltura il valore che merita”.

Alcuni provvedimenti della legislatura che si è appena conclusa per il settore: Testo Unico, legge sull’enoturismo, di cui Stefàno è stato promotore, abolizione di Imu e Irap, leggi contro i reati ambientali e il caporalato.

“Ora – ha aggiunto Stefàno - dobbiamo proseguire questo importante lavoro che ha saputo tenere insieme tre generazioni impegnate sul tema del vino, ora occorre completare il ciclo allargando la filiera. Vogliamo agevolare nella legalità l’ingresso dei giovani nel lavoro agricolo, in particolar modo proprio nel Mezzogiorno, rilanciare la battaglia sull’etichettatura dei prodotti per affermare l’idea del consumo consapevole e della tracciabilità e chiarezza della filiera e raggiungere l’obiettivo di 50 miliardi di export nell’agroalimentare”.

A dialogare con Stefàno, raccontando il proprio impegno nel territorio: Fulvio Filo Schiavoni, presidente Consorzio Produttori Vini di Manduria, nella cui sede è stato allestito il Museo della civiltà del vino Primitivo; Salvatore De Pasquale,  giovane proveniente da una storica famiglia di macellai, che ha deciso di innovare l'attività familiare, creando un prodotto originale: il capocollo al primitivo di Manduria; e infine Gloria Battista di Vinolia, associazione che si occupa di far conoscere il territorio attraverso i suoi prodotti più rappresentativi, vino e olio ma non solo, mediante eventi gastronomici che sanno mixare  la storia,  le tradizioni, le qualità alimentari dei prodotti.
  • Pubblicato in Notizie
Sottoscrivi questo feed RSS

Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza nell'uso di questo sito. I cookie su questo sito vengono usati per le operazioni essenziali e per il corretto funzionamento del sito stesso. Per avere maggiori informazioni leggi la nostra cookie policy.

Continuando la navigazione accetterai l'uso di questi cookie.

EU Cookie Directive Module Information