In attività CIPE evidente disconoscimento problemi del sud

Se ci fosse realmente una attenzione particolare nei confronti del Mezzogiorno, quale strumento sarebbe più idoneo ed efficace del CIPE per tradurla in interventi concreti per la crescita? E, invece, a leggere i numeri sulla ripartizione delle risorse, il CIPE rappresenta la cifra di quanto il Sud sia effettivamente trascurato. A questo punto vorremmo conoscere le motivazioni sottese alla penalizzazione degli investimenti per il Sud Italia e quali misure intende adottare il governo per ri-equilibrare lo storico gap tra Nord e Sud.

Per questo ho presentato un'interrogazione indirizzata al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti e al Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno, dopo aver consultato il documento redatto dal Servizio Studi della Camera dei Deputati, in collaborazione con l'Anac e l'Istituto di ricerca CRESME, che fotografa lo stato della programmazione e della realizzazione delle infrastrutture strategiche al 31 dicembre 2016 in Italia.

Se ci fosse la volontà di recuperare il divario esistente - continua Stefàno - i numeri sarebbero ben diversi da quelli che si leggono oggi. E' sufficiente fermarsi ad alcune voci: al Sud la spesa per i lavori con contratto da avviare ammonta a 1,9 miliardi, mentre per il Centro-Nord è pari a 14,6 miliardi. E ancora, nelle regioni del Centro-Nord è localizzato il 72% del costo delle opere non prioritarie, per un importo di 136,2 miliardi di euro, dei quali il 43% (59 miliardi) riguarda opere già esaminate dal CIPE, mentre nel Mezzogiorno è localizzata una quota del 27%, pari a 50,5 miliardi e nel quale ambito le opere esaminata dal CIPE rappresentano il 28 per cento (14,2 miliardi). Il costo delle opere prioritarie al dicembre 2016 è di 89,6 miliardi di euro suddiviso in 53,606 miliardi al Centro-Nord e in 35,964 miliardi al Sud e potrei continuare.

Ogni volta che ho cercato di riportare l'attenzione sul gap tra Nord e Sud non l'ho fatto in maniera strumentale o spinto da un impulso campanilistico ma perché credo che, per concludere l'esperienza di un'Italia a due velocità, sia necessario calibrare investimenti e risorse in funzione dei bisogni reali dei territori. E il sud ne ha bisogno.

Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza nell'uso di questo sito. I cookie su questo sito vengono usati per le operazioni essenziali e per il corretto funzionamento del sito stesso. Per avere maggiori informazioni leggi la nostra cookie policy.

Continuando la navigazione accetterai l'uso di questi cookie.

EU Cookie Directive Module Information