LXXXIV Seduta Giunta Elezioni e Immunita

IMMUNITA' PARLAMENTARI  Richiesta di deliberazione sull'insindacabilità delle opinioni espresse, avanzata dal senatore Gabriele Albertini, in relazione al procedimento penale n. 7061/13 RG pendente nei suoi confronti dinanzi alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brescia  

(Seguito dell'esame e rinvio)   

La Giunta riprende l'esame iniziato nella seduta del 18 febbraio e proseguito nelle sedute del 24 novembre e del 1° dicembre 2015.

Il senatore D'ASCOLA (AP (NCD-UDC)) propone di rinviare ad altra seduta la trattazione del caso in questione, al fine di consentire l'acquisizione della decisione della Procura della Repubblica di Brescia in merito a fatti analoghi posti in essere dal senatore Albertini, precisando che la formalizzazione della predetta decisione  è attesa per l'udienza prevista per il prossimo 22 febbraio.

Il senatore CALIENDO (FI-PdL XVII), relativamente alle argomentazioni espresse dal relatore Pagliari nell'ambito della definitiva proposta conclusiva, ritiene che le stesse sarebbero condivisibili solo qualora alla Giunta fosse riconosciuta natura di organo giurisdizionale, rilevando tuttavia che nella legislatura in corso tale natura è stata messa in dubbio in diverse occasioni.

Il senatore GIOVANARDI (GAL (GS, PpI, M, MBI, Id, E-E)) ritiene che le opinioni espresse nel caso in questione dal senatore Albertini rientrino nell'ambito della prerogativa dell'insindacabilità di cui all'articolo 68, primo comma, della Costituzione.

Il relatore PAGLIARI (PD) rileva che ogni decisione sulla proposta di rinvio formulata dal senatore D'Ascola spetta esclusivamente alla Giunta e che il relatore non ha pertanto alcuna competenza in merito a tale profilo. Precisa comunque di non aver alcuna obiezione rispetto all'eventuale acquisizione di ulteriori documenti.

Il senatore CUCCA (PD) condivide la proposta di rinvio in questione, in relazione all'esigenza di assicurare un'istruttoria il più possibile completa su casi inerenti ad immunità parlamentari.

Coglie l'occasione per esprimere un elogio per l'accurato ed approfondito lavoro istruttorio compiuto nel caso di specie dal relatore Pagliari.

Il senatore GIARRUSSO (M5S) manifesta la propria contrarietà rispetto alla proposta di rinvio formulata dal senatore D'Ascola, evidenziando che l'acquisizione di eventuali decisioni della Procura della Repubblica di Brescia su fatti analoghi posti in essere dal senatore Albertini sarebbe del tutto irrilevante ai fini istruttori.

Il senatore Mario FERRARA (GAL (GS, PpI, M, MBI, Id, E-E)) condivide la proposta di rinvio formulata dal senatore D'Ascola,  sottolineando peraltro che, visto il calendario dei lavori dell'Assemblea, difficilmente la stessa potrebbe calendarizzare l'esame dell'atto in questione prima del 22 febbraio, data in cui è attesa la decisione della Procura della Repubblica di Brescia su fatti analoghi commessi dal senatore Albertini.

Dopo che il senatore D'ASCOLA (AP (NCD-UDC)) ha ribadito la propria proposta di rinvio, il PRESIDENTE, previa verifica del numero legale, pone la stessa ai voti.

La Giunta approva a maggioranza tale proposta.

Il seguito dell'esame è quindi rinviato.

La seduta termina alle ore 13,45.

Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza nell'uso di questo sito. I cookie su questo sito vengono usati per le operazioni essenziali e per il corretto funzionamento del sito stesso. Per avere maggiori informazioni leggi la nostra cookie policy.

Continuando la navigazione accetterai l'uso di questi cookie.

EU Cookie Directive Module Information