Logo
Stampa questa pagina

Assunzione dei docenti precari e continuita didattica

Ho presentato come cofirmatario la seguente interrogazione a risposta orale
::
- Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. - Premesso che:

il decreto del direttore generale del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca n. 767 del 17 luglio 2015 ha fornito le indicazioni per la presentazione della domanda di partecipazione alle fasi B e C del piano straordinario di assunzioni previsto dalla legge n. 107 del 2015. Sulla Gazzetta Ufficiale IV, serie speciale "Concorsi ed esami", del 21 luglio 2015, è stato pubblicato il relativo avviso che ha valore di notifica a tutti gli effetti;

ad oggi, un altissimo numero di cattedre sul sostegno risultano scoperte;

la fase C riguarda l'assunzione di docenti in organico di potenziamento, e alla primaria, in particolare, potranno essere assunti docenti provenienti da qualsiasi ordine e grado e, dunque, non necessariamente in possesso dell'abilitazione per l'insegnamento di materie come inglese, musica e educazione motoria;

considerato che:

i laureati in Scienze della formazione, in ragione della loro formazione universitaria, possiedono le necessarie competenze disciplinari e le indispensabili conoscenze psico-pedagogiche e didattiche per operare nel miglior modo possibile con la fascia d'età 3-10 anni; come evidenziano le neuroscienze, il funzionamento cognitivo e sociale dell'alunno durante l'infanzia è ben diverso da quello del preadolescente e dell'adolescente;

la laurea in Scienze della formazione rimane, tuttora, il percorso formativo principale, abilitando all'insegnamento di tutte le discipline nella scuola primaria e dell'infanzia (decreto ministeriale 6 maggio 1998);

nella fase B sono stati attribuiti i posti residui delle fasi precedenti che hanno avuto carattere nazionale e quelli che non hanno trovato posto nella fase B verranno assegnati all'organico aggiuntivo delle varie province a livello nazionale (sempre in base alla stessa domanda) ed assunti nella fase C;

ritenuto che:

in virtù dell'iter formativo previsto dalla laurea in Scienze della formazione, secondo le vecchie regole di reclutamento, i docenti avrebbero dovuto partecipare a tutte le fasi di assunzioni previste dalla legge n. 107, previa autorizzazione ad essere inseriti nelle graduatorie a esaurimento;

inserire docenti non formati specificamente per la scuola primaria potrebbe essere una scelta pedagogicamente e didatticamente sbagliata oltre che un atteggiamento di scarsa attenzione nei confronti della scuola primaria,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo non intenda adoperarsi celermente, affinché siano assunte le diverse migliaia di docenti precari, abilitati e specializzati, per permettere a tutti gli alunni diversamente abili di godere dell'indispensabile diritto alla continuità didattica;

inoltre, se non voglia considerare di conservare un percorso di reclutamento legato al mantenimento delle graduatorie ad esaurimento, e quindi differente rispetto al concorso, per coloro i quali si sono laureati in Scienze della formazione, in quanto questo percorso formativo permetteva direttamente l'assunzione a tempo indeterminato.

Copyright 2018 Dario Stefàno. Privacy Policy - Cookie Policy

Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza nell'uso di questo sito. I cookie su questo sito vengono usati per le operazioni essenziali e per il corretto funzionamento del sito stesso. Per avere maggiori informazioni leggi la nostra cookie policy.

Continuando la navigazione accetterai l'uso di questi cookie.

EU Cookie Directive Module Information