LXXXI Seduta Giunta Elezioni e Immunità

SULLA SCOMPARSA DEL SENATORE DONATO BRUNO  

Il PRESIDENTE reputa opportuno, prima di passare alle procedure formali di sostituzione, ricordare brevemente la figura del senatore Donato Bruno, parlamentare sin dalla XIII legislatura, nativo di Noci in provincia di Bari e sempre eletto nell’ambito di liste rientranti nella circoscrizione Puglia.

In particolare, il senatore Bruno rappresenta un commendevole esempio della vocazione a rivestire importanti incarichi istituzionali ma sempre nell’ambito del Parlamento: per due volte presidente della nevralgica Commissione Affari costituzionali della Camera (XIV e XVI legislatura), per varie legislature componente della Giunta delle elezioni della Camera, di cui è stato presidente nella XV legislatura; infine, non da ultimo, presidente in questa legislatura del Consiglio di garanzia del Senato della Repubblica, vale a dire dell’organo di secondo ed ultimo grado di giurisdizione interna.

In questa veste va sottolineato come, già colpito nella salute, abbia voluto comunque convocare e presiedere l’udienza del Consiglio di garanzia del 30 giugno 2015, onde ultimare l’esame di tutte le cause pendenti.

Il Presidente conclude, precisando di aver ritenuto doveroso condividere con la Giunta un pensiero affettuoso alla persona del senatore Bruno, già presidente della Giunta delle elezioni della Camera, il quale per circa vent’anni ha rappresentato ininterrottamente in Parlamento la regione Puglia, da cui egli stesso proviene.

Il senatore CUCCA (PD) si associa alle parole di apprezzamento nei riguardi del senatore Bruno, a nome del Gruppo del PD e suo personale, avendo avuto modo di apprezzarne le doti di umanità e di equilibrio giuridico quale presidente del Consiglio di garanzia, di cui egli stesso fa parte. In particolare, ne ha sempre apprezzato la sapienza giuridica e la capacità di dialogare con tutti; doti di cui serberà nella sua coscienza un preciso ricordo anche in futuro.

Il senatore MALAN (FI-PdL XVII) ringrazia innanzitutto il Presidente ed il senatore Cucca per le toccanti parole di ricordo del senatore Donato Bruno, appartenente fino all’ultimo al Gruppo di Forza Italia, i cui componenti tutti hanno avuto modo di apprezzarne le doti umane e la capacità organizzativa, alle quali occorre aggiungere un’innata inclinazione al buonumore ed un’arguta capacità di ben argomentare. Al Gruppo di Forza Italia mancherà questa vocazione a saper dialogare con tutti, al di là degli schieramenti e delle contingenti posizioni sui singoli provvedimenti.

Il senatore GIOVANARDI (AP (NCD-UDC)) si associa alle parole di apprezzamento nei riguardi dello scomparso senatore Bruno, di cui è stato collega per circa un ventennio. Occorre avere il coraggio di sottolineare, anche in quest’epoca di "antipolitica", che in Parlamento ci sono anche persone di grande livello e di uno spiccato senso del dovere, come ha dimostrato proprio il senatore Bruno nell’episodio ricordato dell’ultima udienza del Consiglio di garanzia. E questo comportamento è ancor più apprezzabile in considerazione delle amarezze subite dallo stesso senatore Bruno in occasione della mancata elezione alla Corte costituzionale, di cui fra l’altro non lo ha mai sentito esprimere pur comprensibili recriminazioni.

Il senatore BUEMI (Aut (SVP, UV, PATT, UPT)-PSI-MAIE) condivide appieno i giudizi espressi, in particolare riconoscendosi nelle parole del senatore Giovanardi. Purtroppo emerge sempre una grande difficoltà a riconoscere i meriti delle persone quando sono in vita, e certamente il senatore Bruno avrebbe meritato di essere eletto alla Corte costituzionale, avendone tutti i requisiti non solo giuridici: non fa onore al Parlamento non averlo eletto seppur per pochi voti, come non fa onore al Parlamento non avere a tutt’oggi ancora provveduto ad eleggere ben tre membri della Corte costituzionale spettanti alle Camere.

VERIFICA DEI POTERI  Regione Puglia   

La senatrice PEZZOPANE (PD), relatrice f.f. per la regione Puglia, dopo essersi associata alle parole di apprezzamento espresse nei riguardi del senatore Bruno, fa presente che - occorrendo provvedere, ai sensi dell'articolo 19 del decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533, nonché del parere espresso dalla Giunta per il Regolamento nella seduta del 7 giugno 2006, all'attribuzione del seggio resosi vacante nella regione Puglia a seguito del decesso del senatore Donato Bruno - il candidato che segue immediatamente l'ultimo degli eletti nell'ordine progressivo della lista cui apparteneva il senatore deceduto è il signor Michele Boccardi.

Interviene per una richiesta di chiarimenti il senatore GIARRUSSO (M5S), al quale la relatrice PEZZOPANE (PD) precisa che allo stato non sono emerse particolari cause di ineleggibilità o di incompatibilità.

Infine, la Giunta all’unanimità approva la relazione della senatrice Pezzopane.

La seduta termina alle ore 16,15.

Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza nell'uso di questo sito. I cookie su questo sito vengono usati per le operazioni essenziali e per il corretto funzionamento del sito stesso. Per avere maggiori informazioni leggi la nostra cookie policy.

Continuando la navigazione accetterai l'uso di questi cookie.

EU Cookie Directive Module Information